Roma Publications: una casa editrice (straordinaria) in mostra

By 4 dicembre 2014Tipografia

La Fondazione Giuliani, Roma – fino al 13 dicembre 2014, accoglie la mostra Roma Publications, che è allo stesso tempo il nome della casa editrice protagonista dell’evento.
Il percorso espositivo, infatti, raccoglie e restituisce il lavoro dell’editore olandese dal suo anno di fondazione, il 1998.

L’approccio di Roma Publications è definito e suggellato dalle due personalità che l’hanno fondata, il graphic designer Roger Willems (Tilburg, 1969) e l’artista Mark Manders (Volkel, 1968), per cui ogni materiale stampato nasce dalla la visione unita dei due fondatori e da una stretta collaborazione con l’artista di turno.

Sono libri e pubblicazioni con una tiratura limitata, e questo conferma in parte il piano di esclusività, mentre l’originalità rimane in deposito alla visione del progetto editoriale, insita in ogni produzione.

Roma-Publications-1998-2014-veduta-della-mostra-presso-la-Fondazione-Giuliani-Roma-2014-photo-Giorgio-Benni-5-480x320

I punti di vista da cui osservare i testi – un corpo di ben 230 pezzi tra libri e pubblicazioni – sono molteplici, ma il punto di partenza è il libro come feticcio: nella sua corporeità diventa oggetto espositivo da osservare dietro una teca di vetro, portatore quindi dello spirito con cui Roma Publications opera all’interno del settore dell’editoria.

Il percorso si snoda allora nelle sale con l’intento di recuperare l’idea di unicità e originalità, come i manoscritti insegnano, in contrasto con la fattura dei testi stessi o dei giornali che indicano invece l’idea di riproduzione.

La sala finale è una sala lettura dove i libri d’artista, fino a quel momento solo osservati, diventano pubblicazioni da poter sfogliare e toccare con mano.

 

Leave a Reply