La campagna di Always #Likeagirl vince il Glass Lion a Cannes

By 8 luglio 2015Primo Piano, Social

Da pochi giorni si è concluso il festival internazionale della creatività nel settore pubblicitario, con l’assegnazione dei relativi Cannes Lions. Leo Burnett Toronto, insieme a MSL Group NY, si è aggiudicato il Glass Lion, una menzione d’onore per gli spot che affrontano la questione delle disuguaglianze e dei pregiudizi sul mondo femminile, contro gli stereotipi. L’agenzia ha realizzato una campagna per il marchio P&G Always (produttore di assorbenti igienici) che vuole sensibilizzare il pubblico della rete sui pregiudizi che inevitabilmente ci coinvolgono anche nel quotidiano.

Schermata 2015-07-08 a 12.12.26
Il lavoro interessa la frase gergale “like a girl” che in inglese può significare anche “comportarsi come una femminuccia”, intesa come una condizione dispregiativa.
Il video di Always ci mostra che questa frase non deve più essere un insulto. Se infatti letteralmente significa “come una ragazza”, nell’ambito popolare la frase assume una connotazione negativa. Se ad esempio qualcuno si sentisse dire “corri come una ragazza”, di certo non lo prenderebbe come un complimento.
La campagna social del marchio Always è stata lanciata su Youtube con l’hashtag #LikeAGirl. La regista Lauren Greenfield ha dimostrato come con l’età cambi il modo di interpretare la frase “fare qualcosa come una ragazza”. Un video molto semplice, in cui un’intervistatrice chiede a una serie di persone di genere, età ed estrazione sociale differente, cosa significa “fare una cosa come una ragazza”. L’esperimento è sorprendente, è incredibile come anche il sesso femminile si inserisca nello stereotipo.
La situazione cambia se la frase viene suggerita alle giovanissime.

Se a interpretare la frase “corri come una ragazza” è una donna o una teen-ager correrà in modo ridicolo, come se non fosse capace. Invece le bambine che hanno fatto parte dell’esperimento, non si sono lasciate intimidire. Questo perché, secondo lo studio condotto da Research Now per conto di Always, le bambine perdono confidenza in se stesse dopo la prima mestruazione, quando iniziano a confrontarsi col mondo come “donne”. Rivelati i risultati del test, tutte sono state d’accordo sul fatto che “correre, nuotare, combattere e fare tutto come una ragazza non è e non può essere un insulto, ma qualcosa di cui andare fiere”. Un premio come il Glass lion dimostra che non solo il mondo della pubblicità è cambiato, ma che, insieme ai brand, si mette al fianco del consumatore.

Leave a Reply